Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando su OK, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Maggiori Informazioni

Sudafrica

Sudafrica: Ehlanzeni

Mauritius

Vietnam

Zanzibar

 

Yellowstone

Perù: Machu Picchu

New York: Manhattan skyl...

India

Galàpagos

Yosemite: el Capitan

Egitto: Piramide di Giza

Costa Rica

Canada

Sei qui: HomeChi siamo

Siamo una coppia di coniugi che ama viaggiare e vuole condividere questa passione con altre persone. Io, Betty, insegno matematica nella scuola media "Vivaldi" di Catanzaro. Io, Giovanni, sono un imprenditore informatico. Gli interessi comuni e una visione della vita non completamente legata a dei canoni convenzionali hanno fatto di noi una coppia indissolubile. Quando possiamo, stanchi della routine quotidiana, ci concediamo un bel viaggio. Da alcuni anni a questa parte siamo diventati più esigenti e scegliamo mete ad alto contenuto naturalistico, lontane dalle grandi metropoli. Non aggiungiamo altro alla nostra presentazione, riportiamo di seguito la famosa "ode alla vita"  che si commenta da sola.

Ode alla vita

 

Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine,

ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,

chi non cambia marcia,

chi non rischia e cambia colore dei vestiti,

chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione,

chi preferisce il nero su bianco

e i puntini sulle ”i” piuttosto che un insieme di emozioni,

proprio quelle che fanno brillare gli occhi,

quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,

quelle che fanno battere il cuore davanti all’errore

e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,

chi è infelice sul lavoro,

chi non rischia la certezza per l’incertezza,

per inseguire un sogno,

chi non permette almeno una volta nella vita

di fuggire ai consigli sensati.

Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge,

chi non ascolta musica,

chi non trova grazia in se stesso.

Muore lentamente chi distrugge l’amor proprio,

chi non si lascia aiutare.

chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna

o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,

chi non fa domande sugli argomenti che non conosce,

chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi,

ricordando sempre che essere vivo

richiede uno sforzo di gran  lunga maggiore

del semplice fatto di respirare.

Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento

di una splendida felicità.

 

(Martha Medeiros)

 

Scroll to Top